Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-22-25 i-17 s0-30 ambrosino-06 14-1 recupero-del-nassone

Schizzi di salsedine da Ponza (5)

Condividi questo articolo


di Franco De Luca

 

Tornano  “i rutunne” a padroneggiare la cucina dei Ponzesi. E’ questo il periodo dell’anno in cui la loro comparsa sui banchi delle pescherie è costante.

Sui mercati continentali o non compaiono o giacciono da parte come pesce non appetibile.

Pure a Ponza non è che nelle pescherie sovrabbondino… ma quando sono in mostra sul bancone un po’ si gareggia per accaparrarsi la parte.

Il fatto è che i Ponzesi sono numericamente ridotti e i pescatori non sono sollecitati alla cattura, perché se no il prezzo scende e… sono sempre loro a rimetterci.

Quelli pescati a Le Formiche sono i migliori, forse in conseguenza del pascolo. In assoluto i più saporiti sono “i femmenelle”, con ancora la sacca ovarica. Ma bisogna attendere la primavera. In quel tempo i maschi, dopo aver espulso il liquido seminale, divengono flosci, mollicci: sono “i locche”.

Quelli catturati con le reti a strascico a profondità maggiore e su fondale sabbioso difettano di bontà.

Insomma il periodo del loro giusto sapore è ora, in autunno.

“U’ iscaiuolo”, la sera prima dell’indomani in cui si prevede maltempo va a buttare la rete. Anche un’altra barca è uscita per lo stesso motivo: è quella di “Patalano”. Il giorno dopo il mare è grosso, l’aria è cupa perché la pioggia rende tutto grigio, il Ponzese trova sulla tavola la soddisfazione di godere dell’isolamento. A dargliela sono  i “rutunne  arrustute”, con un bicchiere di vino a fianco.

La solitudine è vinta e l’esistenza è paga. Tanto è vero che la presenza dei “rutunne”   nella cucina isolana li hanno assurti a simbolo della cultura ponzese. Le ricette che esaltano il loro sapore sono tante in conseguenza della “povertà” della cucina ponzese e dell’inventiva che l’ha trasvalutata in virtù.

Allego una poesia che è in sintonia.

 

’U rutunno

 

‘Nce sta niente a chistu munno

meglio d’ ’u rutunno.

Se pò ffà fritto ind’ ’a tiella,

Accumpagnato d’i friarielle,

c’ ’a pummadora o aglio e uoglio

e nu bicchiere ’i  vino c’ ’a capa te ’mbroglia.

Arrustuto, t’ ’u dico ie.

Ce vo’ sulo nu varrile ’i Gioì.

E po’ a scapece, quanno è Natale,

nne mangià assaie ca fanne male.

Chiachione, ‘i Forne, chi sa pe’ famma,

crudo e vivo s’ ’u menava ’nganna.

Chi tene ‘’u stommaco delicato

S’ ’u pò mangia’ ammullecato;

si po’ ’i spinelle te fanno arraggia’

‘a purpetta’  t’ ’u po’ mangia’

Quanno fa friddo, t’ ’u dongo pe’ pruvato

Fattelle arrianato.

Sentite a me: a chistu munno

Niente ce sta meglio d’ ’u rutunno.

 

Francesco De Luca (Franco)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.