Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e-00 i-24 21 0011-0002-03 Idraulica antica: parte dell'acquedotto Aiptasia mutabilis

Schizzi di salsedine da Ponza (4)

Condividi questo articolo

di Franco De Luca

 

Nell’attesa che le paventate piogge passino si guardano “i parracine”  già panciute e gli scoli dell’acqua. Il territorio mostra appieno l’incuria che si è avuta nei suoi confronti. Qualcuno fa scongiuri, ma le pratiche esorcistiche non mitigano le irresponsabilità di chi era tenuto a prevenire.

“U’ canalone”  è tenuto sotto osservazione con apprensione da chi si attende danni da un suo eventuale intasamento, perché “il bene comune” non è stato un impegno pubblico, a meno che non si fosse presentato con forte sentore di  “affare”.

Il Commissario Prefettizio sta cercando nella “società civile” sostegno per dimostrare alle istituzioni “continentali” che la comunità isolana vuole superare la fase dell’“emergenza” per vivere normalmente.

Nei crocchi sulla Chiesa a Le Forna come a Sant’Antonio, ci si divide fra chi si attende dall’Autorità Prefettizia la risoluzione dei disastri amministrativi e chi è scettico. E, mentre ci si infervora nel dialogo, gli ex-Amministratori si incrociano e si scambiano convenevoli.

L’aria cupa e il plumbeo del mare rintanano i Ponzesi che rimuginano sul presente. Alcuni hanno già iniziato ad alienare la loro facoltà cognitiva nel gioco delle carte, altri stanno coltivando l’indignazione affinché diventi impegno.

 

Francesco De Luca (Franco)

[Schizzi di salsedine da Ponza (4) – Continua]

Condividi questo articolo

1 commento per Schizzi di salsedine da Ponza (4)

  • polina ambrosino

    Quindi, caro Franco, niente di nuovo sotto il sole o sotto le nuvole, visti i tempi. A parte la presenza del commissario prefettizio, descrivi una realtà che è la stessa da tempo immemorabile ormai. Solite chiacchiere da bar, solite carte, soliti scambi di battute tra nemici – amici. Che vuoi che sia?? Se poi succede anche a Ponza una specie di alluvione come oggi all’Elba, perchè su questo purtroppo tutto il mondo è paese, spero che i ponzesi non abbiano il cattivo gusto di prendersela nè con gli amministratori vecchi e nuovi, nè con chicchessia, ma solo con la propria scelleratezza: Ponza è un’isola che non meritava i ponzesi, non meritava una tale progenie incolta, stolta e presuntuosa. Ponza meritava ben altro, ma come i grandi martiri che ha avuto, lentamente muore sotto gli occhi di tutti.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.