Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-16-h-15 mm k2-19 s-05 51 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

I problemi del Commissario

Condividi questo articolo

di Monia Sciarra

 

Non credo che il terremoto del 17 settembre possa avere cambiato l’indole dei ponzesi. Spero però che induca noi tutti a fare delle riflessioni approfondite sul futuro della nostra isola.

Altrimenti corriamo il rischio di fare la fine dei Siracusani che dopo aver pregato giorno e notte, offrendo sacrifici e doni agli dei, perchè fossero liberati del loro tiranno Dionigi, si ritrovarono con il suo successore, ancora più crudele di lui. Rischio che esiste comunque, a prescindere. Infatti basta guardare alla storia amministrativa dell’isola, solo degli ultimi 25/30 anni, per accorgerci quanto sia attuale la storiella del Tiranno di Siracusa: al peggio non c’è mai fine. Per …procura gli dei hanno esaudito molti ponzesi (salvo la famosa vecchietta, e qualche amica sua, che avendo conosciuto i predecessori del Tiranno, prevedendo il peggio, pregava invece gli dei che lo conservassero ancora).

Ora occorre fare in modo che la vecchietta abbia torto.

Come ho già scritto in altra circostanza, i nostri Amministratori saranno il nostro specchio. Quindi la responsabilità del nostro futuro sarà nostra, del popolo sovrano. Sembra un’ovvietà, certo; ma il concetto implicito è quello che bisognerà vedere come il popolo sovrano eserciterà questo suo diritto-dovere, nelle prossime elezioni di primavera.

A tale proposito credo che la voce che circola sull’isola circa l’eventuale slittamento delle amministrative al 2013, meriti un inciso. Le elezioni si terranno nella primavera del 2012. Questo dice la legge senza eccezione alcuna. Salvo il caso (improbabile) che non ci siano liste in campo. Risolvere i problemi strutturali dell’isola, e ce ne sono, non è compito del Commissario. Certo molti sperano che sia il Commissario a fare miracoli come S. Silverio e togliere le castagne dal fuoco per poi trovare u’ cocco ammunnato ‘e buono. Invece sarà il compito prioritario della prossima amministrazione democraticamente eletta! Ed è giusto che così sia.

Avanti dunque, con programmi essenziali e conformi alla eccezionalità della situazione, evitando di offendere l’intelligenza della gente, proponendo improbabili liste della spesa o fantasiosi libri dei sogni. E’ il momento di chiarezza, verità e unità.

 

Monia Sciarra

 

 

Condividi questo articolo

1 commento per I problemi del Commissario

  • Silverio Tomeo

    Visto che ancora non ci sono commenti a questa ‘apertura’ di dibattito e che apprezzo l’attivismo dell’Autrice tramite facebook, sintetizzo un mio pensiero anche rispetto ad altri interventi sul ‘Futuro amministrativo (e non solo) dell’isola’.
    Allora:

    1) Il dibattito su questo sito e su facebook serve ad aprire lo spazio pubblico, serve a far sprigionare idee.

    2) Non è credibile che la comunità dei residenti in quanto tale, esprima un’unica lista e un unico programma: sarebbe una forma di “democrazia consociativa”, dove nel caso la stessa piccola opposizione collaborerebbe con la maggioranza, in una sorta di unicum

    3) La “democrazia competitiva” è quella più adeguata a questa stessa legge elettorale, anche per i piccoli comuni, anche nel microcosmo ponzese. Vale a dire due o più ipotesi e liste: una sola che vince e si prende la responsabilità.

    Ovviamente io mi auspico una larga coalizione di onesti, legalitari, competenti, sufficientemente giovani, con idee aperte, programmi seri; un candidato-sindaco credibile, di ispirazione democratica e socialmente impegnata.
    Diciamo uno schieramento sociale prima ancora che politico, che sappia voltare pagina e rintuzzare la revanche di vecchie solfe e vecchie volpi, o le fughe di “destra sociale” che pure non fatico a intravedere.
    Insomma se le parole hanno ancora un senso uno schieramento riformatore, democratico e – perchè no? – progressista
    Silverio Tomeo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.