Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0011-011 0031-031 i-28 ss20 109a Un rimorchiatore rimesso a nuovo

I’ pprove d’a’ Priezza

Condividi questo articolo

Il 29 ottobre p.v., in occasione della tradizionale ‘Sagra della Castagna’ (alla sua 77a edizione!), la città di Cave (Roma) ospita l’Associazione Culturale “‘A priezza” che si esibirà in uno spettacolo dedicato ai comici italiani…  Non mancheranno musica e divertimento! – Leggi qui   

 

di Assunta Scarpati

 

“…Ahhhh …Signore! A 12 anne faceveme cheste… A 20 anne faceveme cheste… A 30 anne pure… A 40 ‘u stesse… A 45 ancore…

Linaaaaaaa! E’ truvate ‘a trumbette?

Macchè! Agge scavate pure din’t a’ rrobbe ‘i Giggiotte… Niente… pure add’ ‘a Muselle… manche llà, amma vedè sule a Formie!”….

Il ristorante ha l’aspetto di una falegnameria, all’esterno con Nino e Walter che costruiscono le pedane, mentre Rosalia si industria meticolosamente nella creazione del cappello del pazziariello e Beniamino che, a mano libera, scrive a grossi caratteri il nostro logo su di un tre piedi….

“Carmelinaaaaaa! È pronte… viene a pitta’!

Aspette! …aggià chiude ’sta scatule, sinò te spacche ‘a facce!”

Fragorosa risata…

Nell’altra sala, quella che dà proprio sulla strada, Ugo, Chiara, Paolo, Lia, Sam e Lucia, accaldati, sudati e rossi come dei peperoni, stanno allestendo “la Moresca” che è il nostro ballo tradizionale…

“Micheluccio… ’e purtate ‘u tamburre?

Eh… m’ha date Biage… steve abbascie ‘u campe sportive”

“Assùùùù… viene a cantà a tammurriate…

Madonne! … e vuie me facite perde ciate ogni 5 minute!”

“‘A tammurriate d’a Priezza” …scritta nel 1995 …che tocca tutti quartieri dell’isola e tanti personaggi…

“Mariaaaa… fà ‘u ccafè và… e taglie pure chillu panettone!”

E’ Peppe che è tornato da pescare e si mette all’opera, anche lui sbrogliando pezzi di rete che servono per il costume tradizionale…

Sbatte la porta… cade una sedia. Ecco… è arrivato Emilio… si sente dal rumore!

” Uèèè! …tra ‘na mezz’ore vene Massimo Marcone c’u’ camie…”

E’ bella tutta questa ricchezza messa insieme….

“Addò stà Zazzà… Oi Madonna mia… Addò stà Zazzà, senza Isaia…”

E’ la bella voce di Maddalena che ci accompagna nel lavoro…

Abbiamo iniziato alle tre del pomeriggio e sono già le otto…

“Iamme belle…  appriparamme ‘a tavule e mangiamme… accussì doppe facimme ‘i pprove!”

 

…Tante persone diverse, che lavorano, si divertono, vivono…

…Chi lo dice che a Ponza non c’è del buono?

 

Assunta Scarpati

Condividi questo articolo

2 commenti per I’ pprove d’a’ Priezza

Devi essere collegato per poter inserire un commento.