Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0035-035 u-09 s ss24 08 burghiba-al-confino-alla-galite

Silverio Zecca su “Mondo Sommerso”

Condividi questo articolo


recuperato da Carlo Caloro

 

Dalla rivista “Mondo Sommerso” – Novembre, 1964.

Articolo resoconto di una gita compiuta da Goffredo Lombardo (noto subacqueo e editorialista della prestigiosa rivista) a bordo dell’Angelique dall’arcipelago Ponziano alle Eolie.

Sotto il mare coi miei sogni

 di Goffredo Lombardo

 

“…Nella vita esistono luoghi e cose che non ricordano niente o forse ricordano tutto, verso i quali si è inconsciamente o deliberatamente portati e senza dei quali si sente una profonda nostalgia. Questa è una parola in disuso oggi, ma solo perchè nessuno osa confessare questo stato d’animo, quasi fosse una diminutio capitis. E’ invece una dolce sensazione, soffusa di tristezza che fa desiderare tanto e che si trasforma piacevolmente in una gioia intima e solitaria quando si raggiunge l’oggetto e il luogo che l’ha creata.

Per me Ponza è anche Silverio Zecca, oltre che una istituzione è mio amico – vero, crudo, sincero. Anche d’estate è coperto da una folta pelliccia di peli ispidi, il capo parzialmente coperto da una takya che comprammo tanti anni fa in Africa, una pancia che lui si ostina a chiamare torace e una voglia matta come la mia di andare sott’acqua. Insegna – dice lui – educazione fisica; bel risultato!

Sott’acqua insieme ci capiamo al volo, e anche se lontani siamo capaci di riconoscere i richiami gutturali che emettiamo. In Africa quando peschiamo pescecani uno va sotto e spara e l’altro fa la guardia e viceversa. Qui in Mediterraneo l’episodica della nostra comunione subacquea diventa quasi leggenda. E la cernia che sfugge ad uno di noi due, difficilmente si salva dall’altro. Tornando in barca alle domande singole rispondiamo sempre ‘abbiamo pescato’, poiché per noi l’individualismo che spesso accende i subacquei in stupide competizioni è completamente inesistente…”

Goffredo Lombardo

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.