Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-27-26 f-b l-04_0 30-07-2005-19-32-10_0004 o-02 corrida22

Notte d’insonnia. Omero. Vele tese laggiù

Condividi questo articolo

proposta da Silverio Tomeo

 

Notte d’insonnia. Omero. Vele tese laggiù.
Ho letto, delle navi, fino a metà il catalogo:
questa lunga nidiata, questo corteo di gru
che dall’Ellade un giorno si levò e prese il largo.

Cuneo di gru diretto verso estranee frontiere –
bianca spuma divina sulle teste dei re -,
per dove fate rotta? Per voi Troia senz’Elena
che cosa mai sarebbe, maschi guerrieri achei?

L’amore tutto muove – e Omero ed il suo mare.
A chi presterò ascolto? Ed ecco tace Omero,
ed enfaticamente strepita un mare nero
che con un greve rombo si addossa al capezzale.

 

 

Osip Mandel’stam

 

“Cinquanta poesie” (Einaudi, 1998)

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.