Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0009-009 p-16 v4-14a carta-didentita-02 112 Spugne blu

Il libro di Raimondo Bucher: “La vita di un pioniere degli abissi nella cronaca del suo tempo”

Condividi questo articolo

di Carlo Francesco Caloro 

 

La prima segnalazione dell’avvenuto ritrovamento del relitto del Santa Lucia.

Dal quotidiano “ROMA” del 23 agosto 1959.

RITROVATO DA BUCHER IL RELITTO DELLA “S. LUCIA”

Ventotene, 23 – Il relitto spaccato in due da una violenta esplosione, è stato localizzato e fotografato dal comandante Raimondo Bucher, nelle acque dell’isola di Ventotene, nell’arcipelago di Ponza, su un fondale di 46 metri di profondità.

La nave è risultata essere il piroscafo “Santa Lucia”, di 450 tonnellate, adibita a collegamento settimanale tra Napoli e Ponza, con trasporto passeggeri e merci, per conto della Società di Navigazione S.P.A.N.

La “Santa Lucia” fu attaccata e affondata da un aerosilurante inglese alle ore 10 del 24 luglio 1943, mentre navigava ad un miglio dalla località Sconciglio, sulla costa nord-orientale di Ventotene. A bordo della unità vi erano 80 passeggeri, 11 marinai della Marina Militare e 16 membri di equipaggio.

Malgrado la vicinanza della costa, soltanto due persone sopravvissero al siluramento: il comandante della nave, il cap. Cosimo Simeone, da Gaeta, ed il mozzo Luigi Ruocco, raccolti dai soccorritori in gravissime condizioni. Il capitano morì due giorni dopo in un ospedale di Napoli.

***

Il presente articolo è riportato nel libro: “Raimondo Bucher – La vita di un pioniere degli abissi nella cronaca del suo tempo” a cura di Luciana Civico Bucher e Fabio Vitale.

Editrice La Mandragora, 2011.

 

Carlo Francesco Caloro

***

Nota della Redazione  

Pur nell’apprezzamento del valore documentario delle notizie contenute nel libro di Raimondo Bucher, l’articolo del quotidiano del 1959 non è attendibile per quanto attiene al numero delle vittime e dei superstiti, dal momento che la lista completa dei passeggeri e dell’equipaggio del Santa Lucia nel giorno dell’affondamento è stata ritrovata solo nel 2007, negli archivi del Ministero della Marina Mercantile

Notizie più precise su questi argomenti, in relazione all’affondamento del Santa Lucia, sono riportate in precedenti articoli pubblicati nel sito.

Per la presentazione del libro di Nino Codagnone: “Lo strano naufragio del piroscafo postale Santa Lucia” – Mursia; 2011: leggi qui

Per l’intervista a Mirella Romano del Comitato Vittime del Santa Lucia del 24 Luglio 2011: leggi qui

 

Ibidem, se si apre  la sotto-sezione ‘Piroscafo Santa Lucia’ nella categoria ‘Storia’ in: “Cerca nel sito” – colonna di sin. della pagina del frontespizio del sito, in basso

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.