Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v5-3a s-01 carta-didentita-02 ss07 premiazione-elena-bonelli Myriapora truncata

Ragazzi ponzesi di una volta e la musica Rock

Condividi questo articolo


di Luciano Farese

 

La musica Rock tra gli anni ’60 e ’70 penso abbia dato il meglio di sé. Proprio in quegli anni a Ponza non c’erano i mezzi di ascolto attuali ed i programmi musicali dedicati a questo genere erano quasi inesistenti. “Per voi giovani” era l’unico dei programmi radiofonici – condotto da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni – che ascoltavo con la mia radiolina e spesso in compagnia dei miei amici. Non avevamo né dischi né giradischi; un juke-box, uno solo che bastava per tutti, nel Bar “Da Giulio” a Sant’Antonio, una scatola di vetro con un buco al centro che ti permetteva di scegliere il disco da ascoltare: Rolling Stones, Beatles, Mamas and Papas, Beach Boys e tanti altri accompagnavano i nostri pomeriggi. Spinti dalla forte passione per la musica io, Mariano ed altri cominciammo a strimpellare con le chitarre acustiche sulla scogliera dietro la Caletta i pezzi dei nostri idoli.

Non ricordo l’anno ma dagli Stati Uniti arrivò Antonio detto “Tony” o ”Quindici” scoprimmo di avere in comune la passione per la musica. Grazie a lui ascoltammo per la prima volta dischi originali nell’ex falegnameria del padre, dove in seguito formammo il “Gewgaw club” (club della bagattella). Organizzavamo tornei di carte, di biliardo costruito da noi e ping pong.

Dopo qualche anno di nuovo io alla batteria, Mariano alla chitarra ed un’altra chitarra decidemmo di formare il primo complesso Rock a Ponza: i “Vuoto a perdere”. Suonavamo in una casa ‘ncopp’ u’ Pizzicato messaci a disposizione da Peppe Coppa (batteria) e poi Isidoro Scotti (tastiere), Gaetano Busiello (basso), Domenico Spigno (chitarra), e Luciano detto u’ roman (basso) si unirono al gruppo. Capitava spesso di suonare alle feste private e ai matrimoni.

Oggi ricordo quegli anni bellissimi con tanta nostalgia.

Luciano Farese

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.