- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

I soprannomi di Ponza (1)

Condividi questo articolo
[1]

[2]

di Guglielmo Tirendi

 

I soprannomi sono una eredità della cultura classica. Quanti Alessandro ci sono stati, ma per individuarne con certezza uno, basta dire Magno.

Il dialetto sembra evidenziarli ma soltanto perché li utilizza, al contrario della lingua nazionale che identifica le persone per nome e cognome e… basta. In più si avvale di riferimenti scritti. Il dialetto no; punta all’immediatezza dell’identificazione e la cerca in ciò che si dice. Ecco perché nella parlata comune, nel dialetto, il soprannome trova più uso e perciò più cultori.

Da cosa nasce un soprannome? Da una molteplicità di fattori, perché le relazioni sociali sono di varia natura e sono intersecate di motivi. Si può innestare su fattori fisici e… ne sortisce un florilegio di effetti.

Inizio procedendo per un ordine pseudo-alfabetico e non ambisco certo esaurire gli epiteti.

’A perchia, ’a scigna, ’a culera, ’a befana, ’a madunnella, ’a lacchésa, ’a crapettella, ’a ciucciannuccata, ’a ianara, ’a bestia, ’a pustera, ’a baresa, ’a trevellessa, ’a mericanella, ’a pazza, ’a iscaiola, ’a uerra, ’a pisciazza, ’a pisciacchia, ’a russiella, ’a bidella, ’a gallina, ’a iattara, ’a pantera, ’a scarpara, ’a surecella, ’a tuppissa, ’a spiritista, ’a sardignola, ’a mammana, ’a versanella, ’a nanetta, ’a regenella, ’a craparella, ’a maiella, ’a pacchianella, ’a signora d’i’ dollare, ’a giraffa, ’a checca, ’a moscia, ’a rossa, ’a raustella, ’a riccacasa, ’a tabacchera, ’a cuntessa, ’a curnacchia, ’a pelosa, ’a chiattona, ’a cagnicca, ’a pastorella, ’a lumachella, ’a recchiapaletta, ’a pisciallietto, ’a cianella, barbaresca… ma qui sono scivolato nella b… e… mi fermo.

Nella prossima puntata proseguo cercando di individuare un altro motivo da cui nasce il soprannome…

 

[3]

 

 

[I soprannomi di Ponza. (1) – Continua qui [4]]

Condividi questo articolo
[1]