Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0032-032 0049-049 ep-02 foto-13 v8-8a l-12

U Mare. Poesia di Franco De Luca

Condividi questo articolo

di Franco De Luca

 

Ascolta qui la poesia detta da Franco: U Mare

 

U mare mena, u mare ‘nfoca,

u mare sciacqua abbasce lloco;

se sta accalmanno, se sta geranno,

‘ncapo a stasera ha fatto calmo.

U mare fète, che calmaria !

pure u uaglione po’ sta a prora via.

Che fa renfresca, se sta mettenno ?

Luvammo mano c’ u mare scumma.

Che levantata, chesta è cu’ i cazze,

paresse ca ce vulesse gnotte.

‘Stu mare ‘cca dura tre gghiuorne,

po’ sta sicuro, t’u po’ ffà u suonno.

Vide a Parata che mare ié,

si no dimane chi s’aizza ‘i tre:

si fore i refule ‘ncrespeno ll’onne

i rezze ‘i remmanimmo ‘nfunno;

si invece i Furmicule so’ quiete

dimane ammatina vengo e te scete.

U mare ind’ i Scuglietelle

t’arricorda c’ u viaggio nun è bello.

U mare ind’ u puorto

T’arricorda: quanno trase statte accorto.

‘Stu mare è patre, ‘stu mare è frate,

stu mare cca cu nuie è nato.

Quanno isso allucca ‘ncopp’ i scoglie

ce appaurammo e ce strignimmo i figli;

quanno ce ’nvita a ffà i patelle

ce  arapimmo u core a passà a staggiona bella.

‘Stu mare è scola, stu mare è vita.

Voglio murì, ma nfacci’ u mare me mettite

 

Da:  “All’ anema ‘i Ponza”  –  edizione Odisseo 1981  – Francesco De Luca

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.