Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0011-011 u-04 lamonica-01 s1-23 ponza-frontone-matilde-conte-e-marito-antonio-mazzella-e-figlio-umberto-mazzella sl372205

La Festa dell’Assunta 2011

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica

.

Quest’anno è stata bruscamente interrotta una tradizione secolare; non ci sono stati i classici fuochi pirotecnici in occasione della festa della Madonna Assunta in Cielo a Le Forna il 15 agosto scorso. Questa anomalia sembra che sia dovuta a un disguido burocratico, imputabile alla ditta dei fuochi d’artificio, come si dice in giro.
Sembra che si voglia porre rimedio effettuando i fuochi (quelli notturni) la settimana prossima, ma non è la stessa cosa: “passato lo Santo è passata la festa” recita un noto proverbio.
A mio modesto avviso, quando una tradizione consolidatasi nel tempo svanisce, è sempre un danno: viene meno un tratto caratteristico che connota una comunità, ma non solo; spiego meglio qui di seguito il perché.

Proprio quest’anno i fuochi d’artificio
sono mancati alla Madonna Assunta,
sicché la folla, placida e compunta,
s’è sobbarcata tale sacrificio.

E a conti fatti, non è un beneficio
perché la voce dei fedeli è giunta
più chiara e netta alle orecchie in punta
del Padre Eterno e qui sta il maleficio.

“Più soldi manda, o Madonna mia,
perché gli affari sono andati sotto
– son le intenzioni espresse per la via –

manda un bel sei al superenalotto!”
Col guardo mesto, quella Madre Pia,
rimpiange amara il frastuon col botto.

Silverio Lamonica

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.