Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-18-3-di-4 k1-14a v8-9a a2-7 40 90

‘A Madonne i’ mieze auste

Condividi questo articolo

ricordata da Assunta Scarpati

Questo è il canto della Madonna Santissima Assunta in cielo… la cantava mio padre…

Buon Ferragosto a tutti!

Assunta

‘A Madonne i’ mieze auste

‘I quinnece d’auste

‘na rosa spampanate,

Maria sarà chiamata per un’eternità.

Evviva Maria

Maria sempre viva,

evviva Maria

e Dio la creò.

Vuie vi chiamate Assunta

Assunta dal bel viso

tu sei madre del paradiso

sei madre di purità.

Sott’ ‘a sti duie pieduzze

ce stà ‘na mezza luna

tu sei vergine e

patrona

di tutta la città.

Quant’è belle chesta veste

che avete voi

turchina

fà miracolo divino

ne facite in quantità.

Quant’è belle chistu

mante

che avete in cappuccino

fà miracolo divino

ne facite in quantità.

Quant’è bella chesta trezza

che in testa vuie tenite

‘i capille sò fili

d’oro

oh madre di bontà.

Quant’è bella ’stà curone

che avete sopra il

manto

e festosa e trionfante

per tutta la città.

Quant’è belle ‘stà

curone

che avete voi sul capo

‘a quatte angiule vuie purtate

Maria si incoronò.

Evviva Maria

Maria è sempre viva,

evviva Maria e Dio la creò

e senza Maria

salvare non si può.

GDE Errore: Errore nel recupero del file - se necessario disattiva la verifica degli errori (403:Forbidden)

Condividi questo articolo

1 commento per ‘A Madonne i’ mieze auste

  • La Redazione

    Ma è giusto ricordare anche il fondamentale…

    Canto XXXIII del Paradiso – Dante Alighieri

    «Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
    umile e alta più che creatura,
    termine fisso d’etterno consiglio,

    tu se’ colei che l’umana natura
    nobilitasti sì, che ‘l suo fattore
    non disdegnò di farsi sua fattura.

    Nel ventre tuo si raccese l’amore,
    per lo cui caldo ne l’etterna pace
    così è germinato questo fiore.

    Qui se’ a noi meridiana face
    di caritate, e giuso, intra ‘ mortali,
    se’ di speranza fontana vivace.

    Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
    che qual vuol grazia e a te non ricorre
    sua disianza vuol volar sanz’ali.

    La tua benignità non pur soccorre
    a chi domanda, ma molte fiate
    liberamente al dimandar precorre.

    In te misericordia, in te pietate,
    in te magnificenza, in te s’aduna
    quantunque in creatura è di bontate.

    (…)

    La Redazione

Devi essere collegato per poter inserire un commento.