Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0024-024 mm-01 ms-01 ss17 63 93

Una poesia di Shelley

Condividi questo articolo

proposta da Silverio Tomeo

 

Tempo

di Percy Bysshe Shelley

Mare insondabile! Le cui onde sono
anni, Oceano del tempo, le cui acque di profonda
pena sono salmastre per il sale
delle lacrime degli umani.
Tu diluvio inarginabile, che nel tuo
flusso e riflusso cingi i limiti
di ciò che è mortale
e nauseato di prede eppure gridi
per una ancora
e vomiti i tuoi relitti sulla sponda
inospitale, infido nella bonaccia, e terribile
nella tempesta
chi metterà gemme su di te
Mare insondabile?

Percy Bysshe Shelley

(da “Poesie” a cura di Giuseppe Conte, Rizzoli)

Per il grande poeta inglese, il Tempo e il Mare sono fatti della stessa sostanza, sino a confondersi. Percy B. Shelley, John Keats e Lord Byron, i massimi poeti del secondo romanticismo inglese, erano i “ragazzi che amavano il vento”, l’Italia e il mare.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.