Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0004-004 l-08_0 u-21 v1-24 corrida10 Una cintura di cistoseria a pelo d'acqua

‘A ‘mmasciate

Condividi questo articolo

Dopo l’incendio non riesco a dormire serena e impiego il tempo in bei ricordi….

di Assunta Scarpati


Dinte ‘a Carcare una voce – Cuncè… Cuncè… è mmuorte Carle, ‘u marite ‘i Nannine ‘u cafè!

– Uh…Mamme ‘i ll’Arche… che disgrazie!

– Ferdinaaa’… amma ‘i ‘ncoppe Capeianche… è muorte ‘u marite d’a cummara Nannine…

Mesti e con l’abito della festa tutta la famiglia di Cuncette ‘i Sciammereche si avviò per la salita; con loro il vicinato, i conoscenti e a chiudere il gruppo Ferdinando con Girotte ‘u pazze e Carminucce…

Arrivati a Capobianco le urla della famiglia in lutto erano strazianti: i giovani entrarono, fecero le condoglianze e si misero fuori al cortile…

C’era tanta gente ma Ferdinando non riusciva a staccare gli occhi da una bella ragazza con i capelli “anellate”, gli occhi grandi e le labbra come le ciliegie…

– Giro’… ma chi è chella figliola?

– Eh… fratu mie… è na Faragliunese… è a nepote ‘i Teresine ‘i Capaciuote… Scoglie ca nun fà patelle… ‘I chiammene ‘i femmene du testamiente chiuse…”

– Giro’….ma… è belle comme ‘na Madonne!”

– Ferdina’… se chiamme Idelle… Ida… ma nun è sule belle: è serie e pusitive – disse Carminucce.

– Mmmm… mò vache a dice a mamme ca me ne scenghe: amma i’ a mmare e amma trasi’ primme du funarale… ià… iamme a salutà e scennimmecenne…

Scendendo Ferdinando non riusciva a cancellare dai pensieri il volto della ragazza e ‘ncoppe a Croce cominciò a cantare…

– Carminuuu’…..Ferdinande cante! L’aucielle n’caiole o cante ppe rragge o cante p’ammore!

– Giro’… eheheh… Ferdinande penze a’ Faragliunese! Perciò adda trasi ambresse a mare!

– Uagliù… si nun ‘a furnite ve donghe nu buffe din’t ‘i baffe e v’abboffe! …Azzo!

 

Il giorno dopo, al funerale, Ferdinando scrutava il corteo nella speranza di incontrare Ida… La scorse da lontano e cercò di avvicinarsi. ma era con la nonna, la mamma, la sorella e la zia…

– Mamme da Sarvazione… e addò m’avvie?

Pian piano la raggiunse e fortuna volle che Ida inciampasse e lui prontamente si avvicinò per sostenerla; ma le donne erano già pronte ad aiutarla…

La ragazza però lo vide e con gli occhi bassi ringraziò…

Era bello come il sole: i capelli neri, gli occhi azzurro ghiaccio e un sorriso largo e aperto…

– Mammà… che scuorne!

– Nun fà niente, a’ nonne…. cammine dritte però!

Ferdinando e Ida tornarono a casa e col passare dei giorni entrambi, all’insaputa l’uno dell’altra, continuavano a pensare a quei pochi attimi…

Ferdinando ‘friggeva’ come l’olio in una padella finché decise: parlò con la mamma di quella ragazza meravigliosa.

– Oi ma’… ie me voglie nzurà… me voglie piglià... – E le raccontò tutto: – Tu che dice?

– Figliu mie… Ida è na uaglione oneste… mamma t’abbenedice.

Come un fulmine corse a cercare Girotte e Carminucce..

– Cumpà… m’avite purta’ ‘a ‘mmasciate a Ida… ie m’a spose!

Gli amici lo fissarono increduli.

– Ferdinà… overe faie?

– Sissignore… e nun chiacchierate cu nisciune, avite capite? sinnò ve sarpe ‘a cape cu miezze marenare!

Cosi la Domenica mattina i due compari si avviarono ai Guarini, ben vestiti e ben pettinati..

– Giro’… parle tu!

–  No Carminu’…parle tu! – …e confabulando arrivarono a casa di Teresina…

A casa ‘d’a capaciuote’ erano tutte donne: gli uomini erano tutti in America, compreso Ciccillo, il padre di Ida…

– Teresiiiii… Teresiiiii… state a case?

La matriarca uscì…

– Bongiorne a vvuie… che ve serve? Lummiccule… ‘u case frische… Che ve pozze servi’?

Carminuccio si fece coraggio…

“Teresi’… nuie avesseme parlà cu Gesummine… Ferdinande ce manne ‘a mmasciate pe’ Ida”

La nonna appoggiò il cesto sull’aia, si annodò bene il fazzoletto in testa e spiegò ai due giovani che avrebbero parlato in casa e che bisognava scrivere in America per sentire il padre… Offrì loro un bicchiere di vino e li salutò, dicendo che per qualsiasi evenienza e a decisione presa, sarebbe andata da Concetta a riferire…

I ragazzi si allontanarono e Teresina rientrò in casa: apri’ la ‘ruttella’ e parlò con la figlia Gelsomina che era intenta a fare i ‘piennuli’ di pomodoro…

– Oi ma’… tu che dice?

– Gesummi’… ‘A sciammereche è na faticatore, timurate ‘i Ddie… parlamme cu Idelle e vedimme che dice… fin’a mmò nun ha accettate ’a ’mmasciate i nisciune… Carmeli’, Carmeli’… chiamme a Ida e Marie ca stanne din’t a ‘Gnanate a sfrunnà a ll’uve, ca se fatte miezeiuorne!

Attorno al tavolo Gelsomina spiegò il tutto e Ida rispose: – Oi ma’… si tu e ‘a nonne site in accorde… screvite a Papà a’ ‘merica… Ie me vulesse nzurà, cu Ferdinande.

– Idè… è ore ca te mitte ‘u munne… mò se spose Carmeline e a ll’anne nuove Marie… screvimme!

 

La lettera partì… La clessidra del tempo non passava mai per i due giovani, ma il sentimento cresceva di giorno in giorno come il grano al sole….

Dopo la vendemmia con la frescura di Settembre arrivò un pacco da New York All’interno stoffa bianca, preziosa e ricamata… un diadema di perle e fiori d’arancio con uno scritto di Ciccillo che consentiva alle nozze…

Carmela e Maria abbracciarono Ida ridendo e riempiendola di baci mentre Teresa e Gelsomina si asciugavano di nascosto le lacrime…

La domenica successiva Teresina passò da Concetta riferendole che – Ida era in parola con Ferdinando…

La sera stessa, all’imbrunire, Ferdinando con i compari, le sorelle, la famiglia e gli amici con la fisarmonica portarono la serenata alla bella ” faragliunesa”: la voce possente e melodiosa di Ferdinando si diffuse per tutta l’Aversana e Capobianco…

Arrivarono le cugine di Ida e la famiglia di Antonietta Guarino… le porte si aprirono, uscì Ida e la sua famiglia…

’Ncoppe all’asteche si ballò, si cantò e si consumarono zeppole e vino…

Una nuova famiglia si stava per formare.

 

Assunta Scarpati

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.