Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

lfi u-22-restaurata e-12 t5-21 gs 05

Mare. Racconti dal mondo sottomarino

Condividi questo articolo

di Hans Hass

(segnalato da Gabriella Nardacci)

“…Mi devo fermare, solo per un attimo, per rendermi ben conto se tutto questo è davvero reale, solo per un attimo esito ancora, poi respiro profondamente e scivolo giù negli abissi dello sconosciuto paese delle meraviglie. Adesso mi trovo ad un tratto in un mondo totalmente diverso, molto lontano da tutti i paesaggi conosciuti di questa terra, in una regione che solo a pochi privilegiati è consentito di ammirare. Ora nuoto attraverso un bosco di coralli. I coralli si presentano sul fondo del mare come degli alti tronchi d’albero bruno-rossicci, come vecchissimi alberi dai grossi tronchi nodosi. Nel bosco che formano tutto sembra irreale, come in un regno di fate e di gnomi. I rami di questi alberi corallini non sono slanciati, bensì grossi e ombrosi; si elevano nell’acqua come fitti rami d’abete. Questa foresta di madrepore a corna di alce cresce bizzarramente, vasta, massiccia, dando l’illusione di una selva incantata.

Ma il bosco non è inanimato; da per tutto balenano vivi colori, qui rosso e verde, là giallo e azzurro, ed anche negli oscuri angoli pieni d’ombra vi sono degli occhi che mi fissano scintillando fantasticamente. Nuoto ora sotto i rami sfiorando quasi la base degli alberi, lungo il margine della foresta, scrutando attentamente questo misterioso paese fiabesco. Per un momento l’atmosfera di questo regno subacqueo minaccia di sopraffarmi: e quando all’improvviso appaiono fra gli alberi delle strane forme; grandi ventagli che sventolano ritmicamente di qua e di là, come tante pinne di pesci incredibilmente grandi che stessero qui in agguato sul fondo. Non sono invece che delle flessibili gorgonie, chiamate anche ventagli di Venere, che oscillano dolcemente nelle onde lunghe e lente del mareggio.

Nuoto fra i ventagli di Venere, alzo lo sguardo in alto e mi rallegro alla vista: sulle cime della foresta incantata vivono innumerevoli delicate silfidi, dei piccoli pesci variopinti dai minuscoli vivacissimi occhi. Sono tutti in movimento, ballano tra i rami e si lanciano, come in un ballo armonioso, nei meandri del bosco fatato. Questa visione mi dà la gradevole impressione di non essere più in un mondo sconosciuto e cattivo, bensì tra esseri lieti e felici che non mi vogliono male”.

Hans Hass, 1939 (*)

(*) Dal primo libro di Hans Hass: “Jagd unter Wasser mit Harpune und Camera” (Caccia subacquea con arpione e macchina fotografica); 1939. Una delle prime descrizioni in assoluto del mondo sottomarino (forse la prima).

Hans Hass (Vienna, 23 genn. 1919 – vivente) è un subacqueo, pioniere nella ripresa e nella fotografia subacquea, biologo e documentarista.

In particolare è noto per le sue fotografie subacquee del Mar Rosso, che hanno contribuito a renderlo una rinomata meta turistica tra i praticanti della subacquea. Si ricordano inoltre le sue sperimentazioni con la Rolleiflex (la stessa macchina usata da Luis Marden). È conosciuto anche per i suoi documentari sugli squali e per il suo impegno ambientalistico.

Scrive il suo primo articolo da professionista dopo una spedizione nei Caraibi, nel 1940 lascia gli studi di legge e, nel 1943 si laurea in zoologia.  Nelle sue prime immersioni utilizza il rebreather. Nel 1947 il suo film Menschen unter Haien (Un uomo tra gli squali) viene proiettato a Zurigo e nel 1948 viene pubblicato il libro omonimo

[Informazioni dal web, a cura della Redazione]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.