Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v4-5 foto-antiche-1-1 hp0049 paesino-2 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato Spugne all'interno della grotta

Poesia. Passaggi mediterranei

Condividi questo articolo

di Antonio De Luca

Nel ventre di questi mari

ho messo onde e  soffi del mio respiro,

dalla porta marina

emergono scritture incompiute

e resti di battaglie e di eroi e miti e Dei.

Della mia nudità terrestre

mi trovo un cuore d’avventura

l’amore è un Dio,

non so spogliarmi né vestirmi

nell’eleganza dell’imprecisione,

i racconti sul dubbio mare come

scempi e paesaggi galleggianti di silenziosi anni,

il tempo continua e non è mai tanto

vivo di questi passaggi mediterranei

il resto è sogno e memorie

il resto ancora è il mio labirinto

ma esiste un resto?

Essere non è un modo di vivere.

Se potessi essere

un solo istante

con le primavere di ginestre

e gli autunni con le foglie sui tralci

da Tolone ad Alicante da Amalfi a Rodi

tra le piazze e i moli e i giardini d’Aleppo.

Nei passaggi marini

delle scogliere dal profumo di terebinto

il nutrimento trovo

delle memorie di Adriano

schiuma di mare e frumento e vigna.

 

Antonio De Luca

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.