Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0030-030 q-23 ponza-cala-feola-sottocampo-maria-avellino-moglie-di-emiliano-sandolo-e-nonna-di-raffaele-sandolo-1952 14 corrida9 Immagini storiche di Ponza

’A trasute i’ San Silverio

Condividi questo articolo

di Lino Catello Pagano

Con la solenne e suggestiva cerimonia dell’”Entratura”  prendono il via la notte di giovedi 9 Giugno a Ponza le celebrazioni in onore dei San Silverio, patrono dell’isola, che culmineranno nella giornata di lunedi 20 giugno. I fedeli si raduneranno sulla spiaggia di Santa Maria, antico borgo marinaro, dove aspetteranno a mezzanotte in punto, l’arrivo dell’effigie del Santo, trasportata in barca, che rievoca l’arrivo di San Silverio dall’isola di Palmarola.

L’arenile di Santa Maria non è più quello di tanti anni fa, con qualche barca qua e là e le casette in lontananza: bar, pizzerie, abitazioni e piccoli alberghi, insieme a un gran numero di imbarcazioni, rovinano  l’atmosfera. Ma a mezzanotte, fra torce e canti, sulla battigia sembra tornare intatto il senso di profonda religiosità e partecipazione che ha sempre caratterizzato questi momenti. L’effigie di San Silverio verrà quindi portata in processione, accompagnata dalle note della banda Isola di Ponza.

Domattina poi, dopo la celebrazione di una solenne messa, la statua di San Silverio lascerà la nicchia in cui è conservata tutto l’anno, e dopo essere stata portata sul sagrato della chiesa per benedire la popolazione e il mare, verrà esposta entrando in chiesa alla destra dell’altare, dove resterà fino al 20 luglio. Sempre da domani inoltre, in orario pomeridiano avranno inizio le novene in onore del Santo, che termineranno il 18. Scontato ma ogni anno nuovo e atteso il programma dei giorni centrali della festa, con molte cerimonie religiose, tra cui la più importante la processione, che dal porto si snoda lungo il mare, e per mare con tantissime barche che la seguono da presso. Emozionanti l’arrivo alla punta del molo, quando il Santo viene caricato su di un  peschereccio addobbato a festa con fiori e nastri; il momento che il peschereccio lascia la banchina tra suoni di campane… Le sirene di tutte le barche sembrano un coro e dietro alla barca principale si aggregano mille barchette di ogni tipo e grandezza.

Spazio come sempre anche a giochi popolari e attrazioni musicali, anche se sotto questo profilo l’edizione 2011 si annuncia meno ricca rispetto al passato. Ma non mancherà il richiamo, irresistibile per grandi e piccoli, delle bancarelle ricche di dolciumi e non solo, nonché la frittura di pesce sulla banchina la sera della vigilia. E non mancheranno soprattutto i tradizionali fuochi pirotecnici, uno dei maggiori richiami della kermesse. La festa di San Silverio segna come ogni anno, in concomitanza con il solstizio d’estate, l’arrivo della ‘stagione’ per antonomasia.

E a Ponza, dopo l’esperienza del 2010, serve proprio una benedizione speciale da parte d’u’ vicchiariell’, come viene familiarmente chiamato il Santo Patrono.

Inoltre, quest’anno, vi sarà una mostra dedicata al Santo. Dal  10 Giugno al 21 Giugno nei locali del Museo si terra una Mostra dal titolo “I Volti di San Silverio” L’apertura al pubblico è dalle 19,30 alle 23. Ci auguriamo un affluenza copiosa, in onore del nostro San Silverio.

Lino Catello Pagano

 

Condividi questo articolo