Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-36 f-ab q-33 23 99 corrida6

Silverio ‘u Semmentare la fissò e disse: io nun ce vede niente

Condividi questo articolo

Silverio ‘u Semmentaro la fissò e disse:

io nun ce vede niente…

 

dal libro “Racconti dall’isola”

di Franco Schiano


 

Nei giorni di ferragosto del 2006, per fronteggiare la carenza di notizie che solitamente contraddistingue questo periodo dell’anno, fu diffusa quella della sparizione dagli archivi della NASA del filmato originale dello sbarco del primo uomo sulla luna. La news, diffusa dai media america­ni e rimbalzata in tutto il mondo, ha riaperto indirettamente la querelle se lo sbarco ci fu veramente, o fu una bella sceneggiata montata in chissà quali studios segreti della NASA.

E’ qualche anno, infatti, che la veridicità della missione Apollo 11 con Armstrong e Aldring è messa in discussione.  La stampa si lancia anche in elenchi di personaggi, più o meno importanti, che per primi hanno “fiutato” il presunto imbroglio. E’ quasi da tutti riconosciuto che una certa primogenitura, nel ritenere lo sbarco lunare un falso storico, legato alla guerra fredda, sia del regista Bart Sibrel.

Leggendo queste notizie mi è tornata alla mente quel­l’estate di 37 anni fa!

Molti di quelli che hanno intorno ai cinquant’anni o più, avranno un ricordo marcato di quello che è stato uno dei grandi avvenimenti del ‘900: lo sbarco del primo uomo sulla luna!

Non si possono dimenticare quelle trasmissioni con­dotte da Tito Stagno in collegamento con Cape Canaveral, e il mitico Ruggiero Orlando.

21 luglio 1969 a Ponza: un gruppo di amici è assiepa­to nel famoso Bar di Veruccio ‘O Chiattone, che in realtà si chiamava Bar Miramare.

La Televisione trasmetteva quelle storiche immagini: Neil Armstrong che muove incerti passi sul suolo lunare, la bandiera americana, i primi piani delle pietre, la famosa orma, le ombre.

Tutto il gruppo di amici a bocca aperta a guardare e commentare: Evento del secolo! Svolta epocale!! Stiamo vedendo la storia in diretta! E un privilegio assistere ad un evento di questa portata. . . ed altre frasi di questo genere si sentivano tra il pubblico che stava davanti al televisore bianco e nero del locale.

Silverio ‘u Semmentaro, faceva la spola tra la sala TV e il marciapiede fuori al bar: guardava attentamente il bianco faccione di una bellissima luna piena, che quella sera illuminava il lungomare di Sant’Antonio, e poi con aria tra lo smarrito e lo scettico diceva: “Ho guardato, più volte, ma sulla luna non si vede niente… Secondo me questi ci stanno pigliando per culo. Io non ci credo, è un trucco !!”

Silverio Feola, meglio conosciuto come Silverio ‘u semmentaro.

Circa l’origine del soprannome ci sono versioni con­trastanti, alcune veramente fantasiose, legate alla quantità e velocità delle battute, che a ripetizione sfornava con fine arguzia. Ma noi optiamo per la versione più semplice, che ci sembra la più verosimile: il padre aveva un negozio in cui si vendevano, tra l’altro, semi di zucca ed altri semi simili, passatempo alimentare degli inizi del secolo scorso e precursore del chewingum.

Com’è d’uso nelle nostre isole, il soprannome si tra­manda per generazioni, come il cognome.

Pescatore intelligentissimo, accanito fumatore ed esti­matore eccelso – ma non sguaiato ubriacone – di tutto quel­lo che aveva un gradiente alcolico a cominciare dal vino. Per bersi una buona bottiglia con gli amici era capace di  inventarsi situazioni incredibili e si sottoponeva di buon grado a percorsi impervi e faticosi, nonostante la non gio­vane età e i problemi derivanti da un enfisema polmonare da fumo. Finissimo giocatore di carte, era ricercato compagno di passeggiate e divertissement di ogni genere.

E noi, tutti in coro: “Silvè’, sei sempre il solito dissacra­tore. Le immagini sono chiare. Gli americani sono sbarca­ti sulla luna. Hanno battuto i Russi!”

E lui: “Sarà, ma io non ci credo, questi ci stanno a fa’ fessi.” Altro che Bert Sibrel, il primo a vedere il falso sbarco sulla luna, è stato Silverio Feola detto u semmentaro da Ponza!

 

Franco Schiano

Condividi questo articolo