Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

paolo-17 sm-03 v5-4a ss13 12 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

’A pezzogna

Condividi questo articolo

 

di Assunta Scarpati

 

–  Assu’ …che staie facenne assettàte ’ncoppe ’a banchina  a chest’ora?

– Corte’… sto’ aspettanne a papà…

Cortese, dal suo caratteristico motorino, mi guardava, mi poggiava la mano sulla testa e mi diceva:

– Cammina va’… trasetenne addò Zi Maria… ca mo u’ vide assumma’… Va… va…

Risalivo i gradoni di fronte a Don Ciro e, mogia mogia, mi avviavo da Zia Maria che trovavo seduta sulla sedia vicino al tavolo tondo, coperto da una bella incerata verde a fiorelloni giallo e arancio…

Che donna dal grande cuore… Mi sorrideva e mi diceva sempre: – Ahhh… figlia mia…. ie pure strille sempe cu’ chillu fratielle… Niente, niente… Nun sente raggione… primme ca scure notte addà trasi’ dint u’ puorte… ehhh!!! U’ peggie surde è chille ca nun vo sèntere..”

E papà poi era sordo davvero… neanche poco!

Così, mentre chiacchieravamo, mi sedevo sulla scala di marmo dell’ingresso… mi prendevo le ginocchia con le braccia e aspettavo…

Ero sempre in ascolto… in attesa del segnale…

 

TUM TUM TUM TUM TUM… ECCOLO! ARRIVA! …Zi’ Mari’, chiamme a Giulie… Papà stà arrevanne!

Cadenza ritmica e regolare… Era il rumore del motore della barca di papà che rientrava… lo riconoscevo subito perchè faceva un’eco, anzi, un rimbombo particolare tra la Punta della Madonna e lo scoglio Rosso… Il tempo di correre sulla banchina e lo vedevo arrivare…

Assuntaaaaa… ‘a bagnarole…

Inutile urlare che Giulio stava arrivando… Non mi avrebbe sentito!

Si accostava piano alla banchina, lanciava la cima e saltava a terra con un’agilità unica, con i pantaloni scorciati, la canottiera bianca e la camicia annodata sulla pancia….

Dal Corso c’era sempre affacciato qualcuno per vedere cosa aveva portato a terra Ferdinando… Intanto Giulio era arrivato e caricava il pescato…

Nella ”bagnarola” papà riversava le pezzogne… argentee, brillanti, ancora curve, con l’odore del mare… con gli occhi grossi e lucenti… e poi a pesare…

‘’Saso’ …stasera so’ d’a terragnane… Ià… e fatte ’na resate! Ogge che cucinate? I’ polpettine?”

Zia Maria scoppiava in una fragorosa risata e poi lo guardava… Lui sapeva che la sorella lo stava rimproverando per l’orario….

’A Terragnane e ’a Votte… due fondali per pescare…

Le pezzogne della Botte sono più grosse, con il dorsale più spesso e carnoso e il filetto a grana più larga; leggermente più grasse….

Quelle della Terragnana sono più schiacciate e sottili, di color argento vivo e le squame sembrano più piccole…

Dopo aver pesato e fatto il “buono” ci avviavamo a casa… a me toccava portare le buste con il pesce per la famiglia e per noi… le pezzogne un po’ più piccole, i’ “capaiarze”, i’ “saure”…

Ogni volta che al ristorante porto le pezzogne, ci penso… e ti immagino seduto sul balcone, con lo schienale della sedia girato verso la ringhiera, che osservi la sala gremita di gente…

 

Assunta Scarpati

 

Condividi questo articolo