Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

banchina-nuova-2 foto-0002 i-03-bis lam-04 v4-1 carnevale-1970

Il Concertino

Condividi questo articolo


Redazione di Ponzaracconta

 

Nella scarna cornice del salone dell’ex Scuola Media di Ponza, notevolmente migliorato nella sua acustica, si è tenuto ieri sera un bel “Concerto di Benvenuto” da parte del gruppo composto da Nino Picicco e Franco De Luca, con la partecipazione di Antonio De Luca.

Oltre a romanze classiche come “Canzone marinara” di Donizetti e a evergreen di Pino Daniele, Aznavour, Paolo Conte ed altri, abbiamo sentito delle ‘perle’ originali…

Un genere musicale nuovo, per “voce, tastiere e base di computer” si va definendo sotto i nostri occhi – o meglio ai nostri orecchi – ad ogni nuova performance del gruppo…

L’aveva già rilevato Luisa Guarino sulle pagine di questo sito, qualche mese fa, e l’ha ribadito Franco ieri sera, in uno dei suoi intermezzi parlati.

Si sta provando ad inventare un genere musicale che a Ponza non esisteva prima.

‘Canzuncelle’ – presenti anche in audio sul nostro sito – come “La prima luna monta” (che però ieri sera non è stata eseguita), “Ninotto ‘m’paravise”, “U’ Ganzirre”, la recentissima “I Quaraquaglie” e l’anteprima mondiale (! …di ieri sera) “Minicuccio”.

È evidente il piacere che Franco e Nino hanno di suonare, cantare e sperimentare nuove direzioni della loro musica e certo riescono a trasmetterla agli spettatori.

Sono componimenti che su sonorità riconoscibili, nel filone della canzone napoletana, innestano testi molto interessanti, derivati da un approfondimento della tradizione isolana; bozzetti di personaggi che tutti ricordiamo, un fiore o un uccello noti a tutti.

Un piacere per le orecchie e per la memoria, un filone che – è una sensazione e un augurio a Franco e a Nino – è solo l’inizio di una vena aurifera inesplorata…

Immaginiamo in grande: “Ponza Music & Lights”. Uno spettacolo con testi e musiche originali, mentre dietro ai musicisti scorrono le immagini del nostro mare, della nostra primavera, gli uccelli, i fiori e i quadretti che loro cantano.

Auguri sinceri dalla Redazione di ponzaracconta!

Condividi questo articolo