Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-13 l-08_0 u-32 v8-6a madonna-03 ss01

Ninotto ’mparaviso

Condividi questo articolo

Come promesso, presento un’altra canzone musicata da Nino Picicco, ispirata da una poesia di Carmine Pagano e riportata nel libricino “Sangue  ‘i  rutunne” (Poesie ponzesi).

Parla di un incontro fra ‘cumpagnune’ in Paradiso, all’arrivo di Ninotto. Simile in tutto a quelli improvvisati nelle cantine del Fieno, e mai dimenticati.

Io sono parte in causa, perché canto con Nino, ma non ci riesco a tenermi dal dire che la canzone è bellissima.
Grazie

Franco De Luca

Ascolta qui la canzone: Ninotto ‘mparavise

 

Ninotto ’mparaviso

Ninotto mo’  trasette ind’u’ stanzone

C’a mappatella ’mmano e u’ fiasc’ ’i vino

Trasette cu’ nu’ poco ’i suggezzione

Assaie cuntento ca’ mo’ steve ’llà.

’A stanza tutta bianca e chiena ’i luce

Rimpetto s’arapeva u’ fenestone

Pe’ sotto se vedeva in controluce

’A sagoma ’i tre o quatte perzone

“Nino’ tu si’ arrevato… So’ cuntento

U’ viaggio è stato bbuono… comm’è gghiuto?”

Ninotto respunnette: ben truvate!

e po’ i’ ghiette a’bbraccia’.

 

Fratie’, decette, u’ssaie v’aggio purtato

’Na vranchetella ‘i pisce e u’ fiasc’ ’i vino

Primma ’i partì me songo arricurdato

Ca ormaie è paricchio ca’ vuie state ’cca.

Perciò v’aggio purtato ’sta mappata

Aggio pensato… ci’a’ mangiammo dopo

Aggio purtato pure u’ butteglione

È robba nosta, vene ’a vasce u’ Fieno

Accussì senza ca’ fosse sparza ’a voce

Inchèttem’ u’ bicchiere tutte quante

Mangiammece i’ rutunne e po’ brindammo

S’arrevutaie u’ stanzone

 

Currette a uno a uno tutta ’a ggente

A festeggià Ninotto ch’è arrivato

Gioì, Maurino e po’ pure Mazzone

…’i che emozzione: stanno tutte ’cca

E già che stammo tutte fatte a vino

Cantammo tutte ’nsieme ’na canzone

Benito accompagnava c’a chitarra

Ninotto già sunava u’ mandulino

Intanto era fernuto u’ butteglione

E  già stunava chistu cuncertino

L’Arcangelo sentenno ’stu frastuono

’A spada sguainò…

 

San Pietro mo’ u’ fermaie llà ’ncopp’ ’a scala:

“Gabrie’ che staie facendo, si’ ’mpazzuto?

Nun fa accussì, nun esse prevenuto

È tutta brava ggente chesta ’cca

Gabrie’ tu fusse scemo overamente

Che male fanno ’st’anneme gentile

Se vonno bene senza penzà a niente

Nun è peccato nu’ bicchier’ i’ vino…”

E intanto se senteva ’sta chitarra

Accumpagnava sempe u’ mandulino

Sirverio ca cantava ’na canzone:

“U’ paraviso nuosto è chistu ’cca!”

 

Carmine Pagano, Nino Picicco e Franco De Luca

 

Condividi questo articolo