Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-27 u-26 v2-11 p-05 62 scansione0004

Mastuppaulo

Condividi questo articolo

Mastuppaolo abitava dove oggi c’è il negozio  “Ferramenta Laddomada”. Sulla stessa fiancata della strada c’ era una tabaccheria il cui proprietario abitava nelle stanze sovrastanti. Casa e bottega insomma. La qual cosa aveva pregi e difetti; uno di questi ultimi era il fatto che anche in orario di chiusura qualcuno esigeva le sigarette.

Così avvenne che Mastuppaolo, prima di mettersi a desinare s’accorse che era privo dei sigari. In un batter d’occhio  bussò al ‘Tabacchi’ per procurarseli. Il titolare, già vicino alla tavola, con contrarietà si alzò per aprire a Mastuppaolo che gli chiese due sigari.

L’altro prese lo scatolo coi sigari. Mastuppaolo vide che quelli  rimasti erano sbriciolati e sfatti:  “Prendimi quelli nuovi…” ,  insistette.

L’altro ancor più infastidito prese uno scatolo nuovo, lo aprì, tagliò il cordoncino che avvolgeva il mazzetto dei sigari; poi si  rivolse al paesano dicendo: “Piglia… t’ aggio scassato u’ mazzo vecino a te”

Mastuppaolo prese i due sigari e se ne andò. Ma l’espressione non la digerì. Ritornò sui suoi passi, entrò nel negozio e rivolto all’altro disse: “Dammene n’ati  duie da u’ mazzo scassato ca tiene!”

La fonte  è  Luigi  Ambrosino, riportato da Franco De Luca

Condividi questo articolo