Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-04 pdp lamonica-02 ss15 99 corrida5

Mastuppaulo

Mastuppaolo abitava dove oggi c’è il negozio  “Ferramenta Laddomada”. Sulla stessa fiancata della strada c’ era una tabaccheria il cui proprietario abitava nelle stanze sovrastanti. Casa e bottega insomma. La qual cosa aveva pregi e difetti; uno di questi ultimi era il fatto che anche in orario di chiusura qualcuno esigeva le sigarette.

Così avvenne che Mastuppaolo, prima di mettersi a desinare s’accorse che era privo dei sigari. In un batter d’occhio  bussò al ‘Tabacchi’ per procurarseli. Il titolare, già vicino alla tavola, con contrarietà si alzò per aprire a Mastuppaolo che gli chiese due sigari.

L’altro prese lo scatolo coi sigari. Mastuppaolo vide che quelli  rimasti erano sbriciolati e sfatti:  “Prendimi quelli nuovi…” ,  insistette.

L’altro ancor più infastidito prese uno scatolo nuovo, lo aprì, tagliò il cordoncino che avvolgeva il mazzetto dei sigari; poi si  rivolse al paesano dicendo: “Piglia… t’ aggio scassato u’ mazzo vecino a te”

Mastuppaolo prese i due sigari e se ne andò. Ma l’espressione non la digerì. Ritornò sui suoi passi, entrò nel negozio e rivolto all’altro disse: “Dammene n’ati  duie da u’ mazzo scassato ca tiene!”

La fonte  è  Luigi  Ambrosino, riportato da Franco De Luca