Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

isi-04 scotti-d-bis de-vito-01 73 carta-galite Probabile Didemnum tunicato incrostante

Alcuni termini dialettali legati alla pesca

Condividi questo articolo


a cura di Mimma Califano


vucà (…voga! …siye!) – remare: vogare in avanti, vogare all’indietro

l’àrul’ d’u’ vuzz’ – l’albero del gozzo

u’ scàrmul’  – lo scalmo

u’ ‘ngégn’ – sorta di barra, o croce di ferro, seguita da una rete, da trascinare sul fondo per strappare i coralli

u’ remìggie – pastura:  pesce di scarto da buttare a mare per attirare i pesci

’a falàng’… ‘i ffalang’ – pezzo di legno scanalato su cui si tira a secco una barca

u’ ssiv’ – (da sebo):  grasso da spalmare sulla falanga per far scivolar meglio la barca

‘a magnòlia – pertica di legno da muovere sotto il livello dell’acqua per spaventare il pesce e indirizzarlo nella rete

u’ mazzariéll’ – piccoli sassi  da buttare a mare sempre per spaventare i pesce

u’ mestiér’ allestùt’ – la rete pronta per  essere utilizzata

u’ petàgn’ – galleggiante di segnalazione di una rete (o di una nassa o di una coffa – v. sotto); in passato era di sughero o costituito da una palla di vetro

‘a stazz’ – lunga cima all’estremità di una rete. In particolare: quella per le aguglie

•  fa’  fuchià’ ’a stazza – battere sull’acqua ’a stazz’, durante la pesca delle aguglie; quando era notte …u’ mare fuchiava!

u’ spasàr’ – un luogo ampio, con pali, per stendere le reti di cotone ad asciugare; nella zona porto la spiaggia di S. Antonio

i’ spasèll’ – cestella di vimini per raccogliere il pesce

u’ riést’ – corda di canapa (che tagliava le mani, a maneggiarla)

‘a lèv’rete di cotone per svuotare di pesci, a poco a poco, una rete più grande

‘a curdèlla – cimetta di cotone ritorto che guarnisce la rete (v. sotto)

arma’ ’na rezza – preparare una rete con la cordella, che tiene i sugheri sopra e i piombi sotto

sarci’ ’na rezza – tessere una rete (con la cucèlla– v. sotto)

• u’ sciavechiéll’ – piccola rete da pesca circolare per la pesca in acque superficiali; per esempio: ’ncopp’ u’ summariéll’

‘a cucèlla  – grosso ago di legno o metallico che si usava per fare una rete

u’ muòd’l ’- dall’italiano ‘modulo’: pezzo di legno di varie dimensioni per tessere la rete; forniva la misura  delle maglie

‘a cummenzàglia – l’inizio, nella preparazione di una rete da pesca

u’ parèt’- rete da pesca del tipo a maglia larga

i’ quòrce’t’ – i sugheri

i’ panìe – galleggianti (vedi anche u’ petàgn’)

’a lampara – lampara (anche in italiano)

spacca’ ’ndà custèra – andare su e giù lungo la costa

u’ menàle –  agglomerato a palla di pesci, tipicamente  di castardelli, raggruppati dai delfini

u’ lanzatùr’ –  fiocina

‘a coffa – palamite: filo da pesca armato di ami. Da non confondere con l’omonimo ‘palamita’ (o tonnetto): palàmmt’ in dialetto ponzese

u’ vuzz – barca da pesca di piccole dimensioni

i rimm’ – i remi

u’ cchiumm – il piombo

Condividi questo articolo