Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a3-23a u-14 30-07-2005-19-36-46_0007 o-02 s Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

Sangue ‘i rutunne

Condividi questo articolo

Sangue   ‘i    rutunne

 

di Franco De Luca

*

Leggila e ascoltala anche, detta dalla viva voce di Franco:  Sangue ‘i rutunne

*

“Sangue ’i rutunne” ,

accussì ce chiammeno a nuie Punzise

quanno ce vonno recà offesa.

E pecché chest’ espressione,

ca pare senza pretese,

se porta dinto ’na calunnia cu’ tanto peso ?

Pecché i rutunne,

comme sanno pure i uagliune,

so’ pisce

ca teneno sangue senza culore,

comme acqua ’i mare.

Chesto…

pe’ dicere ca i Punzise

nun teneno carattere,

nun teneno palle;

passeno p’a storia

c’a capa avasce

e chijate ’i spalle.

Accussì è stato,

p’i duicientocinquant’anne passate,

e accussì è ogge

– scusate si ve faccio ’sta ripassata  –

Accummenciaieno… vulenno poste separate:

i Furnise ’a ’na parte

e i Punzise ’a n’ ata.

E ancora ogge,

ca stammo ind’ u’ duimila,

spaccammo a duie

chillo che è nu sulo pilo.

Chesto c’ha purtato  ?

Ca ce sta diffidenza, ce sta suspetto,

Po’ esse

Ca i saraghi d’u’ Puorto

vonno mette tutto ind’u’ manecone

e i Furnise  hanna mantene ’u sacco a diùne?

Cammenammo sparpagliate,

nun facimmo quadrato

quanno ’a ciorte mena varrate,

e lamentammo l’indifferenza d’u’ Stato

e chiagnimmo ca pe nuie

maie festa c’è stata.

Nu poco ’i raggione, è vero,

pure ’a tenimmo,

pecchè ll’isola

n’ha maie luvata ’a famma

’i chi ce steva ’i casa.

A terra… era cchiù

chello ca se purtava annanze

u’ viento e ll’acqua ’i mare

ca chello ca ce deve pe’ campare.

U’ mare… era ricco sì

ma non pe’ tutte chille

ca ce fatecaveno.

E chistu destino ’i puvertà

c’ ha fatto sempe chijà ’a capa

verso ll’autorità,

verso i signure,

ca so’ buone sulo si tiene appaura.

Insomma,

’na bona vita n’aimmo fatta:

mo’…  ’nsieme ai delinquente

prigioniere senza celle,

mo’… ’nsieme ai cuàtte,

nun tanto doce ’i sale,

e cu’ i militare,

sempe pretenziuse

verso ’a povera ggente.

Ecco… chesta è ’a verità !

Però…  chella storia

sta aret’ i’ spalle,

mo è n’ata musica,

n’atu ballo.

U’ turismo

c’ha fatto deventà tutte signure,

cu’ case, sorde, e ’a badante pure.

Chell’aria ’i ggente mazzecata,

chella smorfia ’i ggente  mortificata

’a avesseme perde.

’A avesseme pruvà

orgoglio, dignità, curaggio

e… quanno ce vo’,

pure ’nu poco ’i rraggia.

Nun simmo rutunne,

pe’ ddio,

simmo uommene

cu’ vuluntà, capa, vulìje.

Luvammece ’a cuollo

chesta maledizzione.

C’u’ sangue ca scorre

e c’a mente serena,

a signe russo,

scrivimmo ’a storia nosta.

E chesto basta !

 

Condividi questo articolo