Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0001-001 f-b i-27 l-06 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_ Spugne, briozoi e astroides

‘U punente’

Condividi questo articolo

‘U punente’

di Assunta Scarpati

“Trrrrrr… Trrrrrr… Trrrrrr”… il suono gracchiante e sgraziato del telefono a Palmarola… già chiamarlo telefono era una parola grossa… e riuscire a parlare dopo aver risposto un’impresa eroica!

“Mardì gras… buon pomeriggio”

E dall’altra parte: “Assunta, per favore!…”

Era mio padre, Ferdinando…

“Pàààà… comme staie?”

“Assù… ie nun te senghe… fà accungià stà caccavell’…”

Sordo come una campana…

“Paaaaà….COMME STAIEEEE???”

“Buone, buone… Siente a mmè primme ca cade ‘a linea… Stasera tire ‘u mezze sott’ ‘u ristorante, ca stanotte se mette ‘u punente… Tu ’é capite? Ca sennò pierde ‘u mezze!!!”

“Eine…EINEE

PAPAAA’… AGGIE CAPITE… STATTE SENZA PENZIER’!”

Statte accorte… Tu m’è  capite? Dopp’ d’u’ punente famme nu pagnittone e dangille a Gianne ca m’u’ porte… Nu bbacie, ‘a papà…”

Capperi! L’avvertimento di Ferdinando era chiaro… Eppure la giornata era splendida e il mare liscio come l’olio… La spiaggia parlava con i giochi e le risate dei bambini… il frinire delle cicale era assordante… il mare era indolente e calmo come uno sfaticato…

“Mah… ‘u mare fete… mo me  facce ’u’ccafè e m’assecche fore a logge…” pensavo tra me e me… che cosa bella godersi un caffè e una sigaretta con quello spettacolo…

Mi misi in prima fila con tutto l’occorrente… mi sentivo felice e fortunata di quello che la vita mi stava offrendo in quel momento….

“Assù….chiamme i uagliun’… ’u mare ha fatte ‘a fonte”…

Voce cavernosa con una timbrica precisa… tra il consiglio e l’ordine: era Leone, abitante e signore indiscusso dell’isola….

“…Ha fatte ‘a fonte!”

Era il segnale sicuro che da lì a poche ore sarebbe arrivata una ponentata… Sul bagnasciuga si forma un incavo che divide la riva dalla spiaggia e all’interno si forma una pozza d’acqua…

Mi affacciai e… Vero! ’A fonte era lì….

In poco tempo la spiaggia era diventata un tira e molla: ognuno tirava su i mezzi legandoli per bene e il ristorante veniva messo nell’assetto di guerra: togliere gli ombrelloni, legare le basi, impilare tutte le sedie, tirare i tavoli sotto il portico e togliere da fuori tutto ciò che il vento potesse portar via…

Il segnale dell’arrivo del ponente! …All’improvviso la spiaggia comincia a mugugnare, a borbottare perché i ciottoli a mare cominciano a muoversi…  Il moto ondoso li porta verso terra e si sente questo sibilo forte che arriva sulla riva, per poi lasciar spazio a un risucchio rumoroso e sordo..

E quando arriva il ponente… non c’è altro spettacolo che tenga il confronto…

Sull’orizzonte arancio e lattiginoso, imponenti onde ricamate di schiuma si avvinghiano l’una all’altra per arrivare a terra con un boato assordante… Il vento lancia verso terra le fragranti e profumate essenze del mare… ogni tanto si stanca, dà uno stacco dopo tre onde… per poi ripartire, più forte e impetuoso di prima… Il sole colora le rocce color oro e ti senti in un turbinio di emozioni… presa e invaghita come l’amore irrazionale, prepotente, immenso e bello che provi per un uomo…

Fai fatica a tenerti in piedi… è una lotta che cerchi di vincere con le forze e con la mente… ma non è il momento: la forza della natura si sta manifestando con tutta la sua veemenza e tu ne fai parte….

Ho trascorso a Palmarola otto anni della mia vita… Non dimenticherò mai quello che ho visto e vissuto… Questi ricordi hanno un posto speciale nel mio cuore…

Non ci sono più tornata!

Ponza, 20 novembre 2010

Condividi questo articolo