Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0049-049 i-35 l-10 m2-25 105 62

‘U sanguinacce

Condividi questo articolo

‘U sanguinacce

di Assunta Scarpati

“Mààà… ce manche l’angiulille ngoppe ‘a capanne ca s’è rutte…e mò comme facimme?”
“Ah…e doppe scenimme e ghiamme addò ‘u Russe’i Menecuccie e n’ accattamme ‘u nuove…”
…”Assuntaaaaaa!!!!!!!!! Assunta!!!!!!! Zi Carmeline ha mise ‘a bandiera rosse! Fà ambresse che
è ‘i ngoppe addò Zi Carmeline!!!!”

Le urla disumane venivano da giù…”
U generale Battaglie” (altro non era che mia nonna) chiamava a gran voce perchè dovevo andare sui Guarini dalla zia… La bandiera rossa era il segno che dovevo andare a prendere qualcosa!
Mannaggia! Il mio pensiero stava da “Menecuccio” e angioletto nuovo… e  magari anche a qualche pallina nuova per l’albero!
“Assuntaa… jamme abbasce..”
Stavolta era mamma che per evitare che tutto il quartiere dell’“aversana” sentisse, mi esortava a muovermi e intanto si affacciava dal balcone avvertendo la nonna che stavamo uscendo.
La nonna intanto aveva alzato una bandiera bianca per far capire che il messaggio era stato ricevuto… così mentre mamma mi metteva il cappottino e il fazzoletto, la nonna mi faceva tutte le raccomandazioni: “…Passe p’a Gnanate e statte accorte… nun passà addò stanne ‘i pastocchie ca sciulìe…”
Cosi,tutta incappucciata come babbo Natale e col pensiero fisso alle mancate compere, mi avviavo svelta verso i Guarini… La passeggiata era piacevole:l’aria era intrisa del profumo della terra umida, delle prime timide “giunchiglie” …Da li a poco sarebbe stato Natale e tutto sarebbe stato più festante e allegro…
Passo dopo passo ero già quasi da zia che mi veniva sempre incontro quando faceva freddo… Che bella che è zia Carmelina: tutt’oggi Aggiungi un appuntamento per oggi” a 88 anni ha sempre lo stesso sorriso e la stessa dolcezza…

“Ah Ahhh… bella ‘a paciuccona mia… ‘a zezì… Statte accorte che è purtà a Capeianche a butteglie i sangue d’u’ puorche…”

Altri ragguagli e poi mi riempiva di baci e mi guardava finchè non arrivavo sulla strada…

“U sangue? Allore stasera mammà  fà ‘u sanguinacce!” FESTAAA!!!!

Bastava quel pensiero per dimenticare a Menecuccio!

Intanto mamma mi veniva incontro e in fretta rientravamo a casa chiacchierando e ridendo…
Per fare il sanguinaccio mamma usava un grosso tegame di terracotta e il mio compito era quello di tagliare le bucce d’arancio e i dadini di cedro e di sgusciare le noci, mentre lei tostava il cumino (“cimmine” in dialetto) e preparava tutti gli altri ingredienti… L’indomani sarebbero state fatte le “zeppole” e mi toccava andare da zia Carmelina, zia Nannina e Luciella “d’u’ luonghe”
Era un bel giro ma non importava: il Natale era sempre più vicino con questi avvenimenti!

Ieri nella mia bella cucina si è ripetuto il rito. Con me non più la mamma e la nonna ma le mie migliori amiche… Dopo aver aspettato che si freddasse un pò, ho messo in bocca il cucchiaino col “sanguinaccio” …e tutto è tornato alla memoria…. La gioia e la spensieratezza dell’infanzia mi hanno pervaso… Mamma e nonna erano lì, che sorridevano insieme a me…

Assunta Scarpati
Ponza, 8 febbraio 2011

Condividi questo articolo