Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-27-26 u-31 30-07-2005-12-05-23_0000 im-13 m2-21 carta-didentita-02

Gino Longagnani

Condividi questo articolo

Il  20 ottobre 2010, a Racconigi, all’età di 97 anni, è morto Gino Longagnani.

Arrestato dal regime fascista il 22 febbraio del 1932 per organizzazione comunista, Longagnani venne incarcerato a Castelfranco Emilia ove rimase fino all’inizio del 1933. Venne poi trasferito nel carcere di Regina Coeli e successivamente a Reggio Emilia.
Infine giunse a Poggioreale, per essere trasferito, dopo pochi giorni, a Ponza, dove rimase fino  al 1939, quando la colonia confinaria venne trasferita a Ventotene, e i confinati concentrati lì, fino alla liberazione avvenuta nell’agosto del 1943. Riottenuta la libertà continuò a lottare per la vittoria finale sul nazifascismo.

Il 10 Ottobre 2008, dopo 69 anni, all’età di 95 anni, Gino Longagnani è tornato a Ponza. Desiderava tanto visitare la “sua” isola e i Cameroni che lo hanno ospitato per sei lunghi anni.

E’ stato accolto dal calore dei dirigenti del PD di Ponza che lo hanno ospitato e fatto visitare  i Cameroni e quella parte dell’isola interdetta ai confinati. Così ha potuto conoscere Le Forna e l’intera isola, scoprendo le altre immense bellezze che il regime gli teneva nascoste.

Ernesto Prudente gli ha donato un suo libro, con la  seguente dedica “A Gino Longagnani, Maestro di libertà”.

 

Condividi questo articolo